mondo81.it

CONTATTACI: +39.031-6872783

Il rischio stradale e la guida sicura

Mondo81_Rischio_stradale_e_guida_sicura

È bene ricordare che, come indicato dall’art. 28 del D.lgs. 81/08, la valutazione dei rischi deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, nessuno escluso.

Uno dei rischi che più spesso viene dimenticato dalle aziende è il rischio stradale. Da questa mancanza emerge l’esigenza di sensibilizzare i lavoratori sulla guida sicura, mediante corsi di formazione.

Un’attività formativa di questo tipo può portare diversi vantaggi, sia nell’ambito sociale (per evitare feriti/morti in incidenti stradali), sia in termini economici per diversi enti, tra cui:

  • Lo Stato (assistenza sanitaria da effettuare);
  • L’impresa (OT24: riduzione del tasso di tariffa INAIL);
  • Le assicurazioni (rimborsi da pagare);
  • Il lavoratore (benefit personale);
  • La tutela dell’ambiente (risparmio carburante, usura gomme, …).

Spesso le cause di incidenti gravi sono da ricondursi a motivi comportamentali, per mancanza di informazione, formazione e addestramento alla guida.

Rientriamo dunque in quello che viene definito rischio generico della strada che, come specificato dalla Corte di Cassazione, può diventare però rischio specifico di lavoro.

Come effettuare la formazione?

Con l’approdo di nuovi automezzi intrinsecamente sicuri, la formazione sulla guida dovrà avere una finalità diversa: bisognerà prevenire i rischi e gli incidenti.

Un’attività formativa dedicata serve al lavoratore per adattarsi al veicolo che deve utilizzare, in qualsiasi situazione e tenendo conto di eventuali caratteristiche specifiche del mezzo (cambio, trazione, ecc.).

Sarà inoltre fondamentale, nell’attività informativa e formativa:

  • Aumentare la conoscenza e la competenza del lavoratore: saper scegliere il mezzo più adatto all’attività che deve svolgere, saper selezionare eventuali accessori che possono essere utili, saper selezionare le caratteristiche tecniche del veicolo, ecc.;
  • Supportare il datore di lavoro nella divisione degli automezzi e nel comunicare con il lavoratore.

I lavoratori dovranno essere consapevoli:

  • Dei propri limiti fisici;
  • Che il multitasking alla guida è solo un’imprudenza;
  • Di cos’è la distrazione cognitiva;
  • Dei colpi di sonno e degli aspetti legati all’alimentazione;
  • Dei comportamenti che portano stati di collera e stress.

Si ricorda infine l’importanza dell’attenzione alla guida e dell’alterazione dovuta a alcool e droghe.

Per ultima, ma non per importanza, si cita la necessità che il Datore di Lavoro dia delle linee guida da seguire e che vengano svolte delle prove pratiche atte ad aumentare l’abilità dei lavoratori.

Per evitare incidenti, anche causati da altri, ecco alcune indicazioni da seguire:

  1. Essere prevedibili alla guida
  2. Mantenere lo sguardo  mobile
  3. Mantenere la distanza di sicurezza
  4. Utilizzare mezzi in perfetta efficienza
  5. Non permanere negli angoli ciechi
  6. Rispettare le esigenze del proprio corpo
  7. Comunicare con gli altri veicoli preventivamente
  8. Saper leggere l’asfalto per aquaplaning, cambio di aderenza, ecc.

Un breve filmato di NAPO ci farà vedere alcuni rischi che si possono correre durante l’attività lavorativa alla guida.

Clicca qui per vedere il filmato!

HAI LAVORATORI CHE UTILIZZANO AUTOMEZZI AZIENDALI E STAI PENSANDO AD UN CORSO PER AUMENTARNE LA SICUREZZA ALLA GUIDA? RIVOLGITI AL NOSTRO TEAM!

[Fonti: puntosicuro.it]

RICHIEDICI UN PREVENTIVO